PianoWeb, la tua Agenzia di Web Marketing.
Operativi a Grosseto, Siena, Arezzo, Firenze, Prato, Livorno, Pisa, Pistoia e Lucca.
Contattaci senza impegno
Saremmo lieti di fissare un appuntamento per conoscere le tue esigenze e trovare la miglior soluzione per migliorare il tuo Business.

+39 347 14 39 263

[email protected]

Via Tripoli 41 58100 Grosseto

Via Tripoli 41 58100 Grosseto

Top

Servire immagini scalate per ridurre i tempi di caricamento

PianoWeb SEO e Marketing / SEO & Posizionamento motori di ricerca  / Servire immagini scalate per ridurre i tempi di caricamento

Servire immagini scalate per ridurre i tempi di caricamento

Durante la tua analisi del pagespeed su PageSpeed Insights o GtMetrix hai rilevato un errore con la dicitura “Pagespeed: Serve scaled images“.

Cosa significa servire le immagini scalate?

Stiamo servendo immagini ad una risoluzione maggiore di quella che effettivamente l’utente sta visualizzando.

Riprendiamo l’esempio della figura sopra: l’utente si collega al nostro sito, visualizza un’immagine in una cornice di 524* 287 px. La risoluzione dell’immagine però è di 2000 * 1095 px, ciò significa che l’utente sta scaricando dati che non servono ai fini della visualizzazione, sta scaricando un’immagine più grande di ciò che servirebbe. Si tratta di uno spreco di risorse che si moltiplica per ogni immagine fornita con questa tecnica.

Il problema può essere dovuto ad una serie di fattori:

  • problemi di gestione dell’html
  • non abbiamo ottimizzato le immagini prima o dopo il caricamento (utilizzando per esempio delle miniature con dimensioni ad hoc)
  • uso errato del responsive
  • Come risolvere questo problema?

Assicurarsi sempre che l’immagine che stiamo facendo scaricare sia identica o inferiore alle dimensioni del contenitore di visualizzazione. E fare i test a più risoluzioni, sia su pc, sia su tablet, sia su smarthphone nella vista orizzontale e verticale.

Strumenti per il controllo delle dimensioni delle immagini

Un valido strumento è l’analizza elemento di Google Chrome, o Firebug, strumenti che consentono di vedere al volo il sorgente della pagina. Inoltre sempre con questi strumenti, integrati nel browser o installabili con una pratica estensione, si può simulare la vista di altri device come tablet e smartphone.

Altrimenti esistono degli strumenti online, che probabilmente avrai già utilizzato, che consentono di fare un check di tutti i fattori legati alle performance, tra cui anche il discorso delle immagini. Ti lascio un elenco dei migliori strumenti automatici:

Non ti resta quindi che analizzare e cercare di risolvere manualmente questi problemi. Qualora tu abbia difficoltà noi rimaniamo a tua disposizione per una consulenza o un intervento tecnico.

Buon lavoro

Share

Esperto di comunicazione e marketing, con laurea magistrale in "Teoria della comunicazione e tecniche dei liguaggi persuasivi" e un Master in Comunicazione d'impresa, ho fondato nel 2013 PianoWeb, agenzia di Web marketing & SEO dopo circa 10 anni di esperienza in campo Web. Amo la musica, investire in persone e nuovi progetti. Suono il pianoforte.

3 Comments
  • Mara
    Aprile 29, 2019 at 8:57 am

    Si, è assolutamente necessario intervenire per ridurre i tempi di caricamento, tuttavia dovrebbe essere un compito da non sottovalutare già in partenza

  • Marco P.
    Maggio 29, 2019 at 4:05 pm

    La giusta soluzione per intervenire anche sui tempi di caricamento, che si sa sono la causa di abbandono di un sito web più frequente

  • Matteo G.
    Giugno 30, 2019 at 2:30 pm

    Sicuramente uno di quei passi da percorrere per velocizzare il caricamento

Post a Comment

})(jQuery)