PianoWeb, la tua Agenzia di Web Marketing.
Operativi a Grosseto, Siena, Arezzo, Firenze, Prato, Livorno, Pisa, Pistoia e Lucca.
Contattaci senza impegno
Saremmo lieti di fissare un appuntamento per conoscere le tue esigenze e trovare la miglior soluzione per migliorare il tuo Business.

+39 347 14 39 263

[email protected]

Via Tripoli 41 58100 Grosseto

Via Tripoli 41 58100 Grosseto

Top

“Nofollow” in evoluzione: nuovi modi per identificare la natura dei collegamenti

PianoWeb SEO e Marketing / SEO & Posizionamento motori di ricerca  / “Nofollow” in evoluzione: nuovi modi per identificare la natura dei collegamenti

“Nofollow” in evoluzione: nuovi modi per identificare la natura dei collegamenti

Questo articolo è la traduzione libera del recente post di Danny Sullivan e Gary sul blog ufficiale di Google, in cui si annuncia una rivoluzione sull’utilizzo del tag rel “nofollow” e il valore che Google gli attribuisce.

Prima di procedere alla novità vediamo brevemente le funzioni che il nofollow aveva fino a poco tempo fa:

  • nel ranking il link non veniva classificato da Google ai fini del posizionamento SEO; non trasmetteva trust, page rank o qualsiasi altro valore
  • nell’indicizzazione delle risorse il “nofollow” era un blocco della scansione dei robots. Spesso la risorsa linkata poteva non essere inserita nell’indice (in realtà ultimamente è stato più “un consiglio”) a causa del blocco dello spider.

Da pochi giorni, invece, stati introdotti due nuovi tag, ovvero il tag rel=”sponsored” e il tag rel=”ugc”, pensati per trasformare il ruolo del tag “nofollow” e potenziare le indicazioni che Google può ricevere nella scansione dei links del sito Web.

Il tag “rel=”sponsored” è stato ideato per contenuti sponsorizzati e quello “rel=”ugc” per i contenuti generati dagli utenti (come i links nei commenti).

Il rel=”nofollow”, quindi, cambierà ruolo: non avrà più un valore assoluto o comunque “direttivo”, ma sarà Google ad analizzarlo e a valutarlo, un po’ come succede per i tag di paginazione “next” e “prev”. Inoltre, qualsiasi link avrà un ruolo nell’indicizzazione delle risorse (come accennato il nofollow non impedirà, come già da tempo, l’indicizzazione delle risorse) e, in campo semantico, nel posizionamento/ranking delle pagine. La notizia è estremamente fresca, vedremo presto come si evolverà il mercato in relazione ad essa.

Ecco quindi l’articolo originale:

“Quasi 15 anni fa l’attributo nofollow venne introdotto come mezzo per combattere lo spam dei commenti. Inoltre diventò rapidamente uno dei metodi consigliati da Google per contrassegnare i link pubblicitari o sponsorizzati. Il web si è evoluto da quando il nofollow è stato introdotto nel 2005 ed è giunto il momento che anche nofollow si evolva. Oggi annunciamo due nuovi attributi di link che forniscono ai webmaster altri modi per identificare e contrassegnare per “Google Search” la natura di determinati link. Questi tag rel, insieme al nofollow, sono riassunti di seguito:

  • rel = “sponsored”: puoi utilizzare l’attributo sponsorizzato per identificare i links sul tuo sito che sono stati creati come parte di annunci pubblicitari, sponsorizzazioni o attraverso altri accordi di commerciali.
  • rel = “ugc”: UGC è l’acronimo di User Generated Content e il valore dell’attributo ugc è consigliato per i links all’interno di contenuti generati dall’utente, come commenti e post di forum.
  • rel = “nofollow”: utilizzare questo attributo nei casi in cui si desidera collegarsi a una pagina ma non si desidera dare alcun appoggio, incluso il passaggio del valore di ranking (molto probabilmente ci si riferisce al trust e al page rank) ad un’altra pagina.

Quando è stato introdotto nofollow, Google non contava alcun collegamento contrassegnato in questo modo come segnale da utilizzare nei nostri algoritmi di ricerca. Questo è ora cambiato. Tutti gli attributi dei links – sponsorizzati, UGC e nofollow – sono trattati come suggerimenti per la considerazione dei links all’interno dei risultati di ricerca. Utilizzeremo questi suggerimenti, insieme ad altri segnali, come un modo per capire meglio come analizzare e utilizzare in modo appropriato i links all’interno dei nostri sistemi.
Perché non ignorare completamente tali links, come era stato il caso del nofollow in passato? I links contengono informazioni preziose che possono aiutarci a migliorare la ricerca, ad esempio il modo in cui le parole all’interno dei links descrivono il contenuto a cui puntano. Guardare tutti i links che incontriamo può anche aiutarci a capire meglio gli schemi di links innaturali. Passando a un modello di suggerimento, non perdiamo più queste informazioni importanti, pur consentendo ai proprietari di siti di indicare che alcuni link non dovrebbero avere peso o valore come raccomandazione.
Sappiamo che questi nuovi attributi genereranno domande, quindi ecco una FAQ che speriamo copra la maggior parte dei dubbi.

Devo cambiare i miei nofollow esistenti?

No. Se utilizzi nofollow ora come modo per bloccare i link sponsorizzati o per indicare che non appoggi una pagina a cui ti colleghi, questo utilizzo continuerà a essere supportato. Non è assolutamente necessario modificare i link nofollow che hai creato.

Posso usare più di un valore rel su un link?

Sì, è possibile utilizzare più di un valore “rel” su un link. Ad esempio, rel = “ugc sponsored” è un attributo perfettamente valido che suggerisce che il link proviene da un contenuto generato dagli utenti ed è sponsorizzato. È inoltre valido utilizzare nofollow in combinazione con i nuovi attributi, come rel = “nofollow ugc”, se si desidera essere retrocompatibili con servizi che non supportano i nuovi attributi.

Se utilizzo nofollow per annunci o link sponsorizzati, devo modificarli?

No. Puoi continuare a utilizzare nofollow come metodo per contrassegnare tali links per evitare possibili penalità da schema di link. Non è necessario modificare alcun markup esistente. Se si dispone di sistemi che aggiungono questo valore ai nuovi collegamenti possono continuare a farlo. Tuttavia, si consiglia di passare a rel = “sponsored” se o quando è conveniente.

Devo ancora contrassegnare annunci o link sponsorizzati?

Sì. Se si desidera evitare una possibile azione da schema di links, utilizzare rel = “sponsorizzato” o rel = “nofollow” per contrassegnare questi collegamenti. Preferiamo l’uso di “sponsored”, ma entrambi vanno bene e saranno trattati allo stesso modo, a questo scopo.

Cosa succede se utilizzo un attributo errato su un collegamento?

Non ci sono attributi errati tranne nel caso di link sponsorizzati. Se contrassegni un link UGC o un link non-annuncio come “sponsored” andremo a calcolare quel suggerimento, ma l’impatto, al massimo, potrebbe essere quello di non dare valore alla pagina linkata. A questo proposito, non è diverso dallo status quo di molti UGC e link non pubblicitari già contrassegnati come nofollow. È un problema che va nella direzione opposta. Qualsiasi link che sia chiaramente un annuncio o sponsorizzato dovrebbe usare “sponsored” o “nofollow”, come descritto sopra. L’uso di “sponsored” è preferito, ma “nofollow” è accettabile.

Perché dovrei preoccuparmi di usare uno di questi nuovi attributi?

L’uso dei nuovi attributi ci consente di elaborare meglio i collegamenti per l’analisi del web. Ciò può includere i tuoi contenuti, se i link che si connetto al tuo sito fanno uso di questi tag rel.

Non è che cambiando l’approccio a quello dei “suggerimenti” verrà incoraggiato il lo spam nei commenti e nel contenuto generato dagli utenti?

Molti siti che consentono a terzi di contribuire ai contenuti già scoraggiano lo spam con i links in vari modi, inclusi strumenti di moderazione che possono essere integrati in molte piattaforme di blog e attraverso revisioni umane. Gli attributi di collegamento di “ugc” e “nofollow” continueranno ad essere un ulteriore deterrente. Nella maggior parte dei casi, il passaggio a un modello di suggerimento non cambierà la natura del modo in cui trattiamo tali links. Generalmente li tratteremo come abbiamo fatto prima con nofollow e non li considereremo ai fini del ranking. Continueremo comunque a valutare attentamente come utilizzare i collegamenti all’interno della Ricerca, proprio come abbiamo sempre fatto e come abbiamo dovuto fare per situazioni in cui non sono state fornite attribuzioni.

Quando entrano in vigore questi attributi e modifiche?

Tutti gli attributi dei link, sponsorizzati, ugc e nofollow ora funzionano come suggerimenti per noi da incorporare ai fini del posizionamento. Ai fini della scansione e dell’indicizzazione, nofollow diventerà un suggerimento a partire dal 1 ° marzo 2020. Coloro che dipendono da nofollow esclusivamente per bloccare l’indicizzazione di una pagina (cosa che non è mai stata raccomandata) dovrebbero utilizzare uno dei meccanismi consigliati in questo post.

Postato da Danny Sullivan e Gar”

 

E tu cosa ne pensi? Come hai interpretato questa notizia?

Share

Esperto di comunicazione e marketing, con laurea magistrale in "Teoria della comunicazione e tecniche dei liguaggi persuasivi" e un Master in Comunicazione d'impresa, ho fondato nel 2013 PianoWeb, agenzia di Web marketing & SEO dopo circa 10 anni di esperienza in campo Web. Amo la musica, investire in persone e nuovi progetti. Suono il pianoforte.

No Comments

Post a Comment

})(jQuery)