PianoWeb, la tua Agenzia di Web Marketing.
Operativi a Grosseto, Siena, Arezzo, Firenze, Prato, Livorno, Pisa, Pistoia e Lucca.
Contattaci senza impegno
Saremmo lieti di fissare un appuntamento per conoscere le tue esigenze e trovare la miglior soluzione per migliorare il tuo Business.

+39 347 14 39 263

[email protected]

Via Tripoli 41 58100 Grosseto

Via Tripoli 41 58100 Grosseto

Top

“Nofollow” in evoluzione: nuovi modi per identificare la natura dei collegamenti

PianoWeb SEO e Marketing / SEO & Posizionamento motori di ricerca  / “Nofollow” in evoluzione: nuovi modi per identificare la natura dei collegamenti

“Nofollow” in evoluzione: nuovi modi per identificare la natura dei collegamenti

Questo articolo è la traduzione libera del recente post di Danny Sullivan e Gary sul blog ufficiale di Google, in cui si annuncia una rivoluzione sull’utilizzo del tag rel “nofollow” e il valore che Google gli attribuisce.

Prima di procedere alla novità vediamo brevemente le funzioni che il nofollow aveva fino a poco tempo fa:

  • nel ranking il link non veniva classificato da Google ai fini del posizionamento SEO; non trasmetteva trust, page rank o qualsiasi altro valore
  • nell’indicizzazione delle risorse il “nofollow” era un blocco della scansione dei robots. Spesso la risorsa linkata poteva non essere inserita nell’indice (in realtà ultimamente è stato più “un consiglio”) a causa del blocco dello spider.

Da pochi giorni, invece, stati introdotti due nuovi tag, ovvero il tag rel=”sponsored” e il tag rel=”ugc”, pensati per trasformare il ruolo del tag “nofollow” e potenziare le indicazioni che Google può ricevere nella scansione dei links del sito Web.

Il tag “rel=”sponsored” è stato ideato per contenuti sponsorizzati e quello “rel=”ugc” per i contenuti generati dagli utenti (come i links nei commenti).

Il rel=”nofollow”, quindi, cambierà ruolo: non avrà più un valore assoluto o comunque “direttivo”, ma sarà Google ad analizzarlo e a valutarlo, un po’ come succede per i tag di paginazione “next” e “prev”. Inoltre, qualsiasi link avrà un ruolo nell’indicizzazione delle risorse (come accennato il nofollow non impedirà, come già da tempo, l’indicizzazione delle risorse) e, in campo semantico, nel posizionamento/ranking delle pagine. La notizia è estremamente fresca, vedremo presto come si evolverà il mercato in relazione ad essa.

Ecco quindi l’articolo originale:

“Quasi 15 anni fa l’attributo nofollow venne introdotto come mezzo per combattere lo spam dei commenti. Inoltre diventò rapidamente uno dei metodi consigliati da Google per contrassegnare i link pubblicitari o sponsorizzati. Il web si è evoluto da quando il nofollow è stato introdotto nel 2005 ed è giunto il momento che anche nofollow si evolva. Oggi annunciamo due nuovi attributi di link che forniscono ai webmaster altri modi per identificare e contrassegnare per “Google Search” la natura di determinati link. Questi tag rel, insieme al nofollow, sono riassunti di seguito:

  • rel = “sponsored”: puoi utilizzare l’attributo sponsorizzato per identificare i links sul tuo sito che sono stati creati come parte di annunci pubblicitari, sponsorizzazioni o attraverso altri accordi di commerciali.
  • rel = “ugc”: UGC è l’acronimo di User Generated Content e il valore dell’attributo ugc è consigliato per i links all’interno di contenuti generati dall’utente, come commenti e post di forum.
  • rel = “nofollow”: utilizzare questo attributo nei casi in cui si desidera collegarsi a una pagina ma non si desidera dare alcun appoggio, incluso il passaggio del valore di ranking (molto probabilmente ci si riferisce al trust e al page rank) ad un’altra pagina.

Quando è stato introdotto nofollow, Google non contava alcun collegamento contrassegnato in questo modo come segnale da utilizzare nei nostri algoritmi di ricerca. Questo è ora cambiato. Tutti gli attributi dei links – sponsorizzati, UGC e nofollow – sono trattati come suggerimenti per la considerazione dei links all’interno dei risultati di ricerca. Utilizzeremo questi suggerimenti, insieme ad altri segnali, come un modo per capire meglio come analizzare e utilizzare in modo appropriato i links all’interno dei nostri sistemi.
Perché non ignorare completamente tali links, come era stato il caso del nofollow in passato? I links contengono informazioni preziose che possono aiutarci a migliorare la ricerca, ad esempio il modo in cui le parole all’interno dei links descrivono il contenuto a cui puntano. Guardare tutti i links che incontriamo può anche aiutarci a capire meglio gli schemi di links innaturali. Passando a un modello di suggerimento, non perdiamo più queste informazioni importanti, pur consentendo ai proprietari di siti di indicare che alcuni link non dovrebbero avere peso o valore come raccomandazione.
Sappiamo che questi nuovi attributi genereranno domande, quindi ecco una FAQ che speriamo copra la maggior parte dei dubbi.

Devo cambiare i miei nofollow esistenti?

No. Se utilizzi nofollow ora come modo per bloccare i link sponsorizzati o per indicare che non appoggi una pagina a cui ti colleghi, questo utilizzo continuerà a essere supportato. Non è assolutamente necessario modificare i link nofollow che hai creato.

Posso usare più di un valore rel su un link?

Sì, è possibile utilizzare più di un valore “rel” su un link. Ad esempio, rel = “ugc sponsored” è un attributo perfettamente valido che suggerisce che il link proviene da un contenuto generato dagli utenti ed è sponsorizzato. È inoltre valido utilizzare nofollow in combinazione con i nuovi attributi, come rel = “nofollow ugc”, se si desidera essere retrocompatibili con servizi che non supportano i nuovi attributi.

Se utilizzo nofollow per annunci o link sponsorizzati, devo modificarli?

No. Puoi continuare a utilizzare nofollow come metodo per contrassegnare tali links per evitare possibili penalità da schema di link. Non è necessario modificare alcun markup esistente. Se si dispone di sistemi che aggiungono questo valore ai nuovi collegamenti possono continuare a farlo. Tuttavia, si consiglia di passare a rel = “sponsored” se o quando è conveniente.

Devo ancora contrassegnare annunci o link sponsorizzati?

Sì. Se si desidera evitare una possibile azione da schema di links, utilizzare rel = “sponsorizzato” o rel = “nofollow” per contrassegnare questi collegamenti. Preferiamo l’uso di “sponsored”, ma entrambi vanno bene e saranno trattati allo stesso modo, a questo scopo.

Cosa succede se utilizzo un attributo errato su un collegamento?

Non ci sono attributi errati tranne nel caso di link sponsorizzati. Se contrassegni un link UGC o un link non-annuncio come “sponsored” andremo a calcolare quel suggerimento, ma l’impatto, al massimo, potrebbe essere quello di non dare valore alla pagina linkata. A questo proposito, non è diverso dallo status quo di molti UGC e link non pubblicitari già contrassegnati come nofollow. È un problema che va nella direzione opposta. Qualsiasi link che sia chiaramente un annuncio o sponsorizzato dovrebbe usare “sponsored” o “nofollow”, come descritto sopra. L’uso di “sponsored” è preferito, ma “nofollow” è accettabile.

Perché dovrei preoccuparmi di usare uno di questi nuovi attributi?

L’uso dei nuovi attributi ci consente di elaborare meglio i collegamenti per l’analisi del web. Ciò può includere i tuoi contenuti, se i link che si connetto al tuo sito fanno uso di questi tag rel.

Non è che cambiando l’approccio a quello dei “suggerimenti” verrà incoraggiato il lo spam nei commenti e nel contenuto generato dagli utenti?

Molti siti che consentono a terzi di contribuire ai contenuti già scoraggiano lo spam con i links in vari modi, inclusi strumenti di moderazione che possono essere integrati in molte piattaforme di blog e attraverso revisioni umane. Gli attributi di collegamento di “ugc” e “nofollow” continueranno ad essere un ulteriore deterrente. Nella maggior parte dei casi, il passaggio a un modello di suggerimento non cambierà la natura del modo in cui trattiamo tali links. Generalmente li tratteremo come abbiamo fatto prima con nofollow e non li considereremo ai fini del ranking. Continueremo comunque a valutare attentamente come utilizzare i collegamenti all’interno della Ricerca, proprio come abbiamo sempre fatto e come abbiamo dovuto fare per situazioni in cui non sono state fornite attribuzioni.

Quando entrano in vigore questi attributi e modifiche?

Tutti gli attributi dei link, sponsorizzati, ugc e nofollow ora funzionano come suggerimenti per noi da incorporare ai fini del posizionamento. Ai fini della scansione e dell’indicizzazione, nofollow diventerà un suggerimento a partire dal 1 ° marzo 2020. Coloro che dipendono da nofollow esclusivamente per bloccare l’indicizzazione di una pagina (cosa che non è mai stata raccomandata) dovrebbero utilizzare uno dei meccanismi consigliati in questo post.

Postato da Danny Sullivan e Gar”

 

E tu cosa ne pensi? Come hai interpretato questa notizia?

Share

Esperto di comunicazione e marketing, con laurea magistrale in "Teoria della comunicazione e tecniche dei liguaggi persuasivi" e un Master in Comunicazione d'impresa, ho fondato nel 2013 PianoWeb, agenzia di Web marketing & SEO dopo circa 10 anni di esperienza in campo Web. Amo la musica, investire in persone e nuovi progetti. Suono il pianoforte.

5 Comments
  • Magazzino M.
    Luglio 27, 2020 at 3:45 pm

    Non nego che, per mia inesperienza neel settore ovviamente, ho dovuto rileggere più e più volte! Grazie comunque dell’articolo!

  • Ginocchio L.
    Ottobre 25, 2020 at 4:44 pm

    Guida molto utile. Grazie.

  • Ginocchio Luisa
    Dicembre 20, 2020 at 6:03 pm

    Grazie davvero

  • Michael
    Aprile 13, 2021 at 3:18 pm

    Ottimo articolo! Alla prossima!

  • Mario
    Giugno 7, 2021 at 1:54 pm

    Interessante, utile, applicabile!

Post a Comment

Ale Nanne
Ale Nanne
1. Settembre, 2022.
Mi sono rivolta a Pianoweb per la risoluzione di un problema su un mio sito web. Ho trovato professionalità, cortesia e velocità. Consigliatissimo.
Cristiano Ribas
Cristiano Ribas
31. Agosto, 2022.
After collaborating with PianoWeb for over 2 years, I can tell that they always focus on delivering the best quality to their customers. They are always improving their work to be delivering on high standards. I'd definetely recommend their services.
Claudio Ciolli
Claudio Ciolli
31. Agosto, 2022.
Competenza e professionalità, veramente bravi
Francesca Rocchetti
Francesca Rocchetti
31. Agosto, 2022.
Estremamente affidabili e professionali, veloci e chiarissimi nello spiegare tutto ai "profani" del web. Aspetto molto apprezzato: sempre raggiungibili.
giuseppe zanoni
giuseppe zanoni
31. Agosto, 2022.
Ho ingaggiato PianoWeb per il restyling del sito e per migliorare il posizionamento sui motori di ricerca. Competenti e professionali, super consigliati!!!
Lino Bonaccio
Lino Bonaccio
31. Agosto, 2022.
restyling del sito web aziendale, con la creazione di una strategia SEO per migliorare il posizionamento
Paola Paccoi
Paola Paccoi
21. Marzo, 2022.
Ho incontrato la massima professionalità e cura del cliente. Ottima esperienza, consiglio di affidarsi a questo team con fiducia.
Dj king
Dj king
16. Febbraio, 2021.
cordiale, disponibile e molto professionale servizio ottimo
Ilaria Cangelli
Ilaria Cangelli
20. Luglio, 2020.
Mi sono affidata a loro per la SEO del mio sito ed altri lavori web. Dopo tante esperienze negative finalmente ho trovato i professionisti a cui dare in mano i miei siti e devo dire che sono veramente contenta, ottime idee, professionalità e affidabilità! Servizio stra stra consigliato
Make Italy
Make Italy
16. Dicembre, 2019.
E' po' di tempo che sono frustrata che non riesco a fare almeno le cose più semplici di manutenzione e riempimento di content del nostro sito e sono molto felici di aver trovato PianoWeb. Professionali , chiari e veloci . Non chiedo altro, dieci e lode per tutti e un ringraziamento speciale a Veronica

× Come possiamo aiutarti? Available from 07:00 to 20:00 Available on SundayMondayTuesdayWednesdayThursdayFridaySaturday