Google Helpful Content Update – Aggiornamento sui contenuti utili

Aggiornamento di Google: update dei contenuti utili di Google.

Traduzione con commenti e riflessioni – Tratto dall’articolo su Seoroundtable

Google ha annunciato un nuovo importante aggiornamento dell’algoritmo di ricerca denominato “helpful content update” (aggiornamento sui contenuti utili) – sì, Google lo ha chiamato così. L’aggiornamento è stato annunciato il 25 di Agosto e prenderà di mira i contenuti che non sono utili agli esseri umani e alle persone.

L’aggiornamento “helpful content update” mira a eliminare i contenuti scritti allo scopo di posizionarsi nei motori di ricerca che non aiutano o informano le persone. Google ha dichiarato che questo aggiornamento “affronterà i contenuti che sembrano essere stati creati principalmente per posizionarsi bene nei motori di ricerca”. L’aggiornamento “contribuirà a far sì che i contenuti non originali e di bassa qualità non si posizionino in alto nei motori di ricerca”, ha aggiunto Google. Quindi, se scrivete contenuti con lo scopo di ottenere visibilità e traffico sui motori di ricerca, potreste essere colpiti da questo aggiornamento.

Ritengo che questo aggiornamento cambierà il modo in cui i SEO eseguiranno le strategie sui contenuti in futuro, proprio come Panda e Penguin hanno cambiato il modo in cui i SEO eseguivano le strategie sui contenuti e sui link, rispettivamente, un decennio fa.

Ecco un breve riassunto su ciò che sappiamo, al momento, sull’update:

Nome: Aggiornamento dei contenuti utili di Google
Data di lancio: il 25 agosto è iniziato il rollout.
Diffusione: Ci vorranno circa due settimane per la distribuzione completa.
Obiettivi: Prende in considerazione i contenuti creati per posizionarsi bene nella ricerca e aiutare gli esseri umani.
Impatto: Al momento ha un impatto solo su Google Search, non su Google Discover o altre piattaforme di Google. Ma Google potrebbe estenderlo a Discover e ad altre sue realtà.
Penalizzazione: Google non ha menzionato la penalizzazione, ma questo aggiornamento sembra avere l’aspetto di una penalizzazione per i siti che ne saranno colpiti.
Cosa può essere penalizzato: Si tratta di un algoritmo esteso a tutto il sito, quindi l’intero sito sarà colpito da questo aggiornamento.
Lingua inglese, ma si espanderà: Per il momento, l’aggiornamento riguarda solo i contenuti in lingua inglese, ma probabilmente si estenderà ad altre lingue.
Impatto livello query: Google non mi ha detto quale percentuale di query o ricerche è stata influenzata da questo aggiornamento, ma mi ha detto che sarà “significativo”. Inoltre, Google ha dichiarato che l’impatto sarà maggiore per i materiali didattici online, l’intrattenimento, lo shopping e i contenuti tecnologici.
Recovery: Se siete stati colpiti da questo aggiornamento, dovrete esaminare i vostri contenuti e vedere se potete migliorare con i consigli di Google, che abbiamo riportato a fondo articolo.
Timing: Google aggiorna costantemente i punteggi, ma c’è un periodo di timeout e un periodo di convalida e possono essere necessari diversi mesi per recuperare da questo aggiornamento.

Puzza di Panda?
Vi sembra che si tratti di Google Panda? A me sì. Ma Google ha annunciato che questo aggiornamento si aggiunge a Panda, che è già presente nell’algoritmo principale da molti anni. Quindi Panda è ancora in funzione, ma questo aggiornamento è un nuovo aggiornamento che potrebbe sembrare simile a Panda quando è stato lanciato, ma è diverso.

Credo che questo aggiornamento, quando lo guarderemo a distanza di anni, avrà lo stesso valore di Panda o Penguin, in quanto ha costretto i SEO a ripensare alcune delle loro strategie SEO, dalla SEO ON PAGE alla Link building. Penso che questo aggiornamento farà lo stesso con le strategie di content marketing e di contenuti SEO per alcune agenzie.

Algoritmo a livello di sito

Si tratta di un algoritmo a livello di sito, il che significa che se l’algoritmo di apprendimento automatico determina che una quantità relativamente elevata di contenuti è insoddisfacente o non utile, ciò può portare segnalare il sito web e quindi l’intero sito sarà penalizzato.

Consigli sull’aggiornamento dei contenuti utili di Google

Google ha anche fornito due serie di domande che ci si può porre per capire se i propri contenuti possano essere colpiti da questo nuovo algoritmo.

Google ha dichiarato: “Come evitare di adottare un approccio orientato ai motori di ricerca? Rispondere sì ad alcune o a tutte le domande è un segnale di avvertimento che indica che dovreste rivalutare il modo in cui state creando i contenuti sul vostro sito”.

  • I contenuti sono destinati principalmente ad attrarre query e non esseri umani?
  • Stai producendo molti contenuti su argomenti diversi nella speranza che alcuni di essi possano ottenere buoni risultati nei risultati di ricerca?
  • Si utilizzano dei sistemi di automazione per produrre contenuti su molti argomenti?
  • Stai principalmente riassumendo ciò che altri hanno da dire senza aggiungere molto valore?
  • Scrivi di argomenti solo perché sembrano di tendenza e non perché li proporresti naturalmente ai tuoi lettori?
  • I vostri contenuti danno ai lettori la sensazione di dover cercare di nuovo informazioni migliori da altre fonti?
  • State scrivendo in base a un determinato numero di parole perché avete sentito o letto che Google ha un numero di parole preferito?
  • Avete deciso di entrare in un’area tematica di nicchia senza avere una reale competenza, ma soprattutto perché pensavate di ottenere traffico di ricerca?
  • Il vostro contenuto promette di rispondere a una domanda che in realtà non ha risposta, ad esempio suggerendo che c’è una data di uscita per un prodotto, un film o uno show televisivo quando non è confermata?

Impatto a lungo termine (commento di PianoWeb)

Su ampia scala e quando l’update sarà esteso a tutte le lingue e una volta entrato a regime, sarà davvero un algoritmo impattante. A mio personale modo di vedere rivoluzionerà:

  • I contenuti, promuovendo quelli di qualità
  • L’expertise nella scrittura dei contenuti
  • Lunghezza dei contenuti
  • I siti di nicchia a sfavore di quelli generalisti
  • La qualità dei siti Web
  • Tutto il settore della link building

Assisteremo quindi, se l’algoritmo se dimostrerà efficiente, ad una rivoluzione dei contenuti. Sarà la fine degli articoli di 400 o 800 parole? Probabilmente se avranno senso di esistere continueremo a leggere fantastici approfondimenti, altrimenti vedremo una riduzione della lunghezza a favore dell’efficienza.

Conseguenza naturale di questo nuovo algoritmo… sarà quello di premiare l’expertise dei creatori di contenuti, l’efficienza, il soddisfacimento immediato degli intenti di ricerca.

Come prepararsi a questa rivoluzione

Il primo passo per prepararsi a questa rivoluzione, sia che tu sia il proprietario di un sito web o un freelancer, sarà quello di approfondire il concetto di qualità per Google. A tal proposito puoi leggere le linee guida che Google ha scritto per i suoi operatori, i cosiddetti quality rater. Puoi leggere le linee guida qua.

Una volta compreso quali sono le caratteristiche che un sito debba avere, potrai ampliare le tue conoscenze addentrandoti nel concetto di “contenuti di qualità” ed aggiungere a questa visione, gli argomenti espressi in questo articolo.

Immagino che tutto ciò possa risultarti abbastanza confuso, per questo PianoWeb può affiancarti e offrirti la consulenza di cui hai bisogno.

Contattaci per maggiori informazioni.

Open chat
Ciao, come possiamo aiutarti ?