PianoWeb, la tua Agenzia di Web Marketing.
Operativi a Grosseto, Siena, Arezzo, Firenze, Prato, Livorno, Pisa, Pistoia e Lucca.
Contattaci senza impegno
Saremmo lieti di fissare un appuntamento per conoscere le tue esigenze e trovare la miglior soluzione per migliorare il tuo Business.

+39 347 14 39 263

info@pianoweb.eu

Via Tripoli 41 58100 Grosseto

Via Tripoli 41 58100 Grosseto

Top

Redirect da vecchia a nuova struttura permalink

PianoWeb SEO e Marketing / SEO & Posizionamento motori di ricerca  / Redirect da vecchia a nuova struttura permalink

Redirect da vecchia a nuova struttura permalink

Nel corso del tempo, durante il passare dei mesi e degli anni, può capitare di dover rivoluzionare la propria struttura permalink del proprio sito Web per implementarne una migliore. Per evitare problemi di pagina non trovata o 404, ma sopratutto non incorrere in problematiche SEO consigliamo di sistemare, al più presto, i redirect dalle vecchie alle nuove url.

A noi, come agenzia, è capitato più volte di dover correggere una struttura in favore di un’altra: nei nostri interventi siamo spesso passati da una struttura DATA+NOME http://www.pianoweb.eu/2013/11/22/articolo d’esempio/ a una struttura più semplice ed usabile (e in alcuni casi sicuramente più SEO) di tipo NOME http://www.pianoweb.eu/articolo d’esempio/. Quando si cambia una regola così generale, viene modificata l’intera struttura del sito. Per questo motivo, quando il sito è di grandi dimensioni, diventa molto difficile eseguire queste operazioni manualmente. Abbiamo recentemente sistemato un problema di redirect analogo su Pianosolo.it, un portale musicale che curiamo dal 2009, che, inizialmente, aveva una struttura basata proprio su DATA+NOME. I link presenti all’interno di molti articoli e lezioni, circa 300, puntava le vecchie URL. Modificare a mano oltre 300 articoli è un’operazione molto faticosa, impegnativa e spesso anche molto onerosa.

Abbiamo optato, quindi, per l’automatizzazione del processo: ci sono venuti in aiuto le regole di riscrittura dell’htaccess e plugin creati proprio a tale scopo. Vediamo insieme entrambe le possibilità.

Metodo n.1: Modifica dell’htaccess

L’htaccess è un file presente nella root del sito che rivolge un ruolo molto importante nella riscrittura delle URL. Per modificare alcune regole di riscrittura, a patto di sapere dove mettere le mani, si interviene su questo file. Un tool ci aiuterà a scrivere la regola e la riga di codice del nostro redirect:

https://yoast.com/research/permalink-helper.php

Ecco i passi per procedere alla creazione e all’implementazione del redirect:

  • entra nel tool di yoast
  • inserisci l’indirizzo della home del tuo sito Web
  • inserire l’eventuale cartella di installazione di WordPress
  • seleziona la vecchia struttura permalink
  • genera il redirect

Inserisci il codice all’interno dell’htaccess, il file .htaccess presente nella root del tuo sito:

Modificalo con un qualsiasi editor di testo (noi utilizziamo notepad++) ed inserisci quella riga di codice al suo interno:

Una volta aggiunto, potrai testare le vecchie url. Vedrai che, se avrai settato correttamente i dati, il redirect sarà funzionante e performante.

Se non hai dimestichezza con queste modifiche manuali… ti consiglio senza esitare di dare un’occhiata ai plugin dedicati.

Metodo 2: Redirection plugin

Redirection è uno dei plugin più utilizzati per fare i redirect 301 tra articoli e risorse del proprio sito Web WordPress. Con Redirection è possibile, inoltre, impostare delle regole REGEX con cui fare redirect di massa. Sfruttando il tool di Yoast possiamo creare una regola molto semplice, inserendo

su source (con l’esempio di Pianosolo): ^/([0-9]{4})/([0-9]{2})/([0-9]{2})/(?!page/)(.+)$

e su target: https://www.pianosolo.it/$4

 

Metodo 3: Plugin dedicato, Postname permalink autoredirect plugin

Postname Permalink Auto Redirect

Con postname permalink autoredirect potrai svolgere questa funzione in maniera automatica senza intervenire sul codice. ATTENZIONE, con l’utilizzo del plugin, sebbene si appesantisca leggermente l’esecuzione di WordPress, si ottiene un vantaggio da non sottovalutare: spesso i plugin di cache o altri plugin vanno a riscrivere l’htaccess, provocando, nel nostro caso, la cancellazione del redirect, e quindi l’immediata proliferazione di centinaia di errori 404, molto dannosi per l’esperienza utente e difficilmente individuabili prima di qualche giorno (per segnalazione di webmaster tools o di qualche utente benefattore).

E tu che strumenti utilizzi per questo scopo? Hai bisogno di aiuto?

Commenta!

A presto

Share

Esperto di comunicazione e marketing, con laurea magistrale in "Teoria della comunicazione e tecniche dei liguaggi persuasivi", ho fondato nel 2013 PianoWeb, agenzia di Web marketing & SEO dopo circa 10 anni di esperienza in campo Web. Amo la musica, investire in persone e nuovi progetti. Suono il pianoforte.

No Comments

Post a Comment